Normani Kordei aiuta a combattere il cancro: “”E’ un mio dovere”

Nella rubrica di EW Act With Me, le celebrità condividono le loro storie personali sul restituire qualcosa alla comunità. Questa settimana, il membro delle Fifth Harmony Normani Kordei parla dell’American Cancer Society, che finanzia e conduce la ricerca sul cancro, fornendo allo stesso tempo supporto ed assistenza ai pazienti malati di cancro ed alle loro famiglie.

 

PERCHE’ HO DECISO DI AGIRE

Il cancro ha toccato Kordei in tenera età. Quando aveva solo 5 anni, a sua madre è stato diagnosticato un cancro al seno. “E’ stato davvero difficile vederla affrontare quella situazione,” ricorda Kordei. Anche se ora sua madre è una sopravvissuta in salute, la 21enne sente la responsabilità di usare la sua piattaforma derivante dall’essere una pop star. “E’ un’opportunità ed un mio dovere,” dice.

 

COSA FA LA FONDAZIONE

L’American Cancer Society esegue un gran numero di servizi, inclusi la conduzione di ricerche all’avanguardia, il supporto ai pazienti ed alle loro famiglie, e la condivisione delle storie dei sopravvissuti. Possiedono anche numerose strutture per i pazienti malati, di cui una a Salt Lake City che Kordei ha visitato insieme con sua madre. “Ho avuto la mia esperienza personale, ma anche solo parlare con le persone, altri pazienti che stanno vivendo la stessa cosa che ha vissuto mia madre ed aiutarli ad affrontarla in modi diversi [è speciale],” dice. “Non sembrava un ospedale. Hanno creato davvero un posto speciale per i pazienti – sembra di stare a casa.”

 

PERCHE’ E’ IMPORTANTE

“[L’ACS] fa sapere ai pazienti di non essere soli,” dice Kordei, a cui piace fare visita ai pazienti per rallegrare le loro giornate e parlare delle loro esperienze personali con il cancro. E anche se le visite ospedaliere sono difficili, la toccano molto: “So quanto sia importante far parte del loro mondo, ma voglio che sappiano che anche loro hanno un grande impatto su di me.”

 

Sua madre non ha ricevuto i servizi dell’ACS quando era malata, ma Kordei dice che avrebbe voluto che la sua famiglia fosse stata a conoscenza del conforto che fornisce l’ACS. “Fanno parte dell’organizzazione persone a cui interessa di loro e della loro felicità, non solo del loro benessere ma dello stare bene e del farli sentire a loro agio nell’affrontare questo percorso,” dice. L’attuale coinvolgimento di Kordei come ambasciatrice include le visite ospedaliere. Spera di continuare ad estendere i suoi sforzi e partecipare agli eventi di Relay for Life, delle maratone di 24 ore destinate alla raccolta fondi che hanno luogo in tutto il paese.

 

COME POTETE AIUTARE

Donate, fate volontariato con l’organizzazione, o partecipate ad una delle raccolte fondi di Relay for Life della vostra comunità. Se non ce n’è una nelle vicinanze, fondate un comitato con l’aiuto dell’ACS ed organizzatene una per raccogliere fondi per la lotta contro il cancro nel vostro quartiere.

Facebook Comments