Lauren ammette che tra loro hanno parlato delle loro carriere da soliste

Quando una boyband o un gruppo femminile raggiungono il successo, le persone vogliono sapere sempre due cose: quando uscirà il nuovo singolo, e quando i membri di suddetta band intraprenderanno una carriera da solisti? L’ultima domanda ha seguito le cinque ragazze delle Fifth Harmony dal momento in cui hanno rilasciato un primo album di successo negli Stati Uniti, e ha continuato a seguirle finché Camila Cabello non ha alla fine lasciato il gruppo alla fine dell’anno scorso. Nei 12 mesi seguenti, le quattro cantanti rimanenti – Ally Brooke, Normani Kordei, Dinah Jane e Lauren Jauregui – non solo hanno rilasciato il loro terzo album come Fifth Harmony (nonostante il fatto che adesso siano le Fourth Harmony), ma hanno anche iniziato a spiegare le ali per conto proprio.

 

Lauren Jauregui ha collaborato con vari artisti solo nell’ultimo anno, rilasciando tracce con Halsey, Ty Dolla $ign, Marian Hill e più recentemente, Steve Aoki, tutte sotto il suo nome. Ho parlato con la pop star della sua nuova canzone EDM, del bilanciare una crescente carriera in solitario con una tabella di marcia sempre frenetica e di cosa lei e le sue compagne di band hanno discusso in termini di intraprendere una carriera solista vera e propria.

 

Hugh McIntyre: Sono eccitato per “All Night,” ed è stata rilasciata da pochissimo. L’ascolto almeno due o tre volte al giorno, ogni giorno.

 

Lauren Jauregui: Wow, ti adoro! Grazie.

 

McIntyre: Com’è nata questa collaborazione con Steve Aoki?

 

Jauregui: Beh, il mio manager… Il mio team conosceva il suo dato che avevano lavorato insieme in precedenza, ed ha pensato che avremmo formato una bella squadra. Mi hanno fatto andare in studio, e l’ho adorato. Sono cresciuta a Miami, perciò il mondo dell’EDM è sempre stato protagonista ed era musica che ascoltavamo tutti al liceo e cose del genere, per questo ero davvero entusiasta. Ho passato del tempo in studio con lui, mi ha fatto ascoltare alcune tracce, e ci siamo trovati bene. E’ davvero una persona fantastica, perciò è stato facile. Si è trattato della prima volta che mi sono seduta ed ho spinto me stessa a scrivere per davvero, e lui è stato davvero supportivo e ha creato un ambiente grandioso perché mi sentissi a mio agio, sai?

 

McIntyre: Avete co-scritto la canzone insieme?

 

Jauregui: Già. Voglio dire, lui era sicuramente nella stanza con me, ma si è occupato più del lato produttivo. Io ho scritto, e c’era un altro cantautore che si era occupato di alcune delle strofe, ma poi le ho riscritte nuovamente perché dava l’impressione di essere lo scheletro di una canzone, hai presente? Ho riscritto il testo, cambiato alcune melodie e scritto il bridge a mi sono occupata del background e delle armonie. E’ stato un processo divertente, e Steve mi ha davvero incoraggiata. Infatti, riscrivevo il testo, e diceva, “E’ fantastico! Metti giù la penna e registriamo!” E’ davvero fantastico avere una persona come lui intorno. E’ stato divertente!

 

McIntyre: Ora come ora hai già lavorato ad alcune canzoni per conto tuo, e posso solo immaginare quante persone ti abbiano contattata una collaborazione. Come decidi su quali lavorare e quelle per le quali non hai tempo?

 

Jauregui: Voglio dire, non è che… Ho sempre tempo per creare. Sono molto impegnata, perché ovviamente faccio ancora parte delle Fifth Harmony, ed è quella la mia priorità numero uno, perciò quando ho dei giorni liberi cerco sempre di andare in studio e creare qualcosa. Sto cercando di lavorare prima su me stessa, e sentirmi a mio agio con quello che posso offrire così da poter lavorare con delle persone che mi intimidiscono giusto un po’.

 

McIntyre: Mi sembra giusto.

 

Jauregui: Ma sto facendo moltissimo. Sono fiera di me stessa e continuerò a crescere.

 

McIntyre: Ero entusiasta per il rilascio della canzone perché è nell’ambito del mondo della musica dance elettronica, e ti sei già cimentata nel pop, ovviamente, e nell’hip-hop. Vedi queste collaborazioni anche come un modo di provare nuovi stili?

 

Jauregui: Credo riguardi più l’esplorare me stessa, e il capire chi sono come artista e cantautrice. Ogni volta che qualcuno mi chiede, “Oh, quando creerai la tua musica, come sarà?” io non so cosa rispondere. Amo l’arte in tutte le sue forme, quindi sto esplorando me stessa per vedere cosa so fare, e se sento una canzone con cui sento una connessione…

 

Ascolto ogni tipo di musica. Non so tu, ma non ascolto solo un genere specifico, e quando qualcuno mi fa sentire un pezzo che mi fa esclamare, “Wow, è fantastico! Lo adoro!” quello che per me è importante è il riuscire a scrivere ed il riuscire a convogliare quello che voglio dire, è questo che conta quando ascolto una traccia. Voglio essere sicura che il testo e tutto quello che riguardi la canzone sia qualcosa di autentico. Non mi sento limitata dal genere musicale.

 

Ha senso quello che sto dicendo?

 

McIntyre: Assolutamente sì. E’ un bel modo d’essere. Come riesci a bilanciare il tuo lavoro con le Fifth Harmony e lo scrivere, registrare, e promuovere le tue collaborazioni?

 

Jauregui: Beh, voglio dire, non è difficile, perché in questo momento ci stiamo dando l’un l’altra questo spazio per esplorare noi stesse ed essere oneste e aperte su quello che facciamo. Ovviamente, le Fifth Harmony sono la priorità numero uno per tutte noi, e abbiamo appena rilasciato un singolo intitolato “Por Favor,” e ci sono ancora molte sorprese in arrivo. Prossimamente andremo anche in tour in Asia ed Australia. E abbiamo terminato da poco la leg in Sud America.

 

Onestamente, lavoro 24 ore al giorno, 7 giorni su 7. Della serie 25 ore al giorno, 8 giorni su 7. Ho sempre le mani in pasta in qualcosa perché mi sento davvero fortunata di essere in questa posizione, far parte di questo gruppo ed avere la piattaforma e le opportunità che abbiamo e fare tutte le cose fantastiche che abbiamo fatto insieme. Ha aperto tutte queste porte per me, mi ha datto l’opportunità di scoprire davvero chi sono, e credo sia stata davvero una benedizione, perciò cerco di trarre vantaggio di ogni singolo giorno, hai presente?

 

McIntyre: Finora tutti i tuoi progetti da solista sono stati delle collaborazioni. Hai ambizioni più grandi come artista indipendente?

 

Jauregui: Naturalmente. Voglio dire, tutte noi le abbiamo. E’ quello il sogno, poter esprimere noi stesse e creare. E’ tutto quello che ho sempre voluto. In questo momento sono estremamente concentrata sul gruppo, ma sto scrivendo e continuerò a scrivere. E’ quello che faccio.

 

McIntyre: Avete parlato di far funzionare le cose per tutte e quattro – concentrarvi sulle vostre carriere individuali o rimanere un gruppo? Presumo che è una discussione che abbia avuto luogo.

 

Jauregui: E’ naturale che ne abbiamo parlato, e siamo tutte d’accordo. Anche le altre hanno lavorato a qualcosa per conto loro. Dinah ha appena rilasciato “Boom Boom,” una canzone davvero figa. Avere Red One, e Daddy Yankee e French Montana e Dinah, è fantastico. E Ally ha rilasciato quella canzone con, cavolo, mi sono dimenticata il loro nome, scusate. Kings! Qualcosa con Kings? In questo momento ho i Common Kings in testa, e so che non si tratta di loro. Oh mio dio, sono un gruppo DJ. Dio, mi sento davvero stupida. I Lost Kings, ecco. Lo sapevo, c***o! Okay, i Lost Kings. Ha collaborato con loro. E anche Normani rilascerà musica sua a breve.

 

Adoro guardare tutte crescere ed esplorare loro stesse. E’ davvero divertente.

 

McIntyre: C’è qualcuno con cui ti piacerebbe collaborare per conto tuo in futuro?

 

Jauregui: Qualcuno con cui mi piacerebbe collaborare in futuro? Ooh, voglio essere attenta con questa risposta. Okay, allora, Syd, dei The Internet. In realtà, i The Internet in generale, ma considero Syd davvero eccezionale. Mi piacerebbe collaborare con lei. Credo lavoreremmo bene in studio, liricamente parlando, e musicalmente credo sia fantastica. E John Mayer. Lo adoro. E’ fantastico.

 

Questi due nomi sono in cima alla mia lista in questo momento. E Pharrell, perché è un genio, e adoro come faccia evolvere costantemente il sound per tutti. So cosa significa essere un’artista, ed essere quel tipo di artista che si rinnova costantemente, ed è quello che voglio essere. Voglio essere ovunque. Amo l’arte in tutte le sue forme, e voglio essere in grado di esprimerlo, e credo lui faccia un lavoro davvero eccezionale in questo.

 

McIntyre: Cosa possiamo aspettarci da te e dal gruppo per l’anno prossimo?

 

Jauregui: L’anno prossimo andremo in tour a Marzo, mi pare. A Gennaio scomparirò. Viaggerò, c***o! Viaggerò per un mese ed esplorerò me stessa ed il mondo e mi disconnetterò da tutto, cosa per cui sono molto eccitata. Lascerò le cose succedere e basta, sai? Le cose succedono senza preavviso, e se è una cosa bella, vuoi continuare e basta.

 

Non guardo spesso a quello che ho in programma, perché quando lo faccio mi sento un po’ sopraffatta da tutto quello che c’è in ballo. Mi limiterò a sentirmi grata per tutto, lo lascerò succedere e basta. Ho realizzato di riuscire a gestire la mia vita molto meglio quando faccio così e mi disconnetto dalle cose.

 

McIntyre: Sono assolutamente d’accordo con te per quanto riguarda il guardare le cose in programma.

 

Jauregui: Già, cerco di essere presente, così posso godermi quello che succede senza sentirmi oppressa.

Facebook Comments